Monti DauniToday

Un piccolo e virtuoso modello di Welfare: Celenza investe sulle Politiche Sociali

Nonostante i tagli agli enti locali, l'amministrazione Venditti ha finanziato progetti e servizi a sostegno della comunità con fondi del bilancio comunale, riuscendo a realizzare una vera e propria rete di servizi sociali e socio-sanitari

Celenza Valfortore di Puglia

Dalle borse lavoro, al servizio ADI e SAD, dai contributi economici ai cittadini indigenti, al telesoccorso, passando per il servizio civile, il banco alimentare, ludoteca e biblioteca per ragazzi, la sezione Primavera dell'asilo nido e la mensa. Sono i servizi sociali, solo alcuni, di un elenco ben più ricco ed articolato, attivati, negli ultimi anni, dall'amministrazione comunale di Celenza Valfortore. In parte, si tratta di interventi messi a punto dall'amministrazione nell'ambito della programmazione del Piano Sociale di Zona, in collaborazione con l'Asl, in parte finanziati solo dal Comune.

Nonostante i tagli imposti dal Governo agli enti locali, l'amministrazione guidata da Massimo Venditti è andata oltre e finanziato progetti e servizi a sostegno della comunità con fondi del bilancio comunale, riuscendo a realizzare una vera e propria rete di servizi sociali e socio-sanitari. Oggi, Celenza Valfortore è tra i pochi comuni dauni ad aver attivato una programmazione a 360 gradi nell'ambito delle Politiche sociali. Un piccolo e virtuoso modello di welfare.

In pochi possono vantare un asilo nido con sezione Primavera, un servizio importante sia in quanto supporto per le donne e le famiglie, sia in termini occupazionali. Così come la Ludoteca e la Biblioteca comunali, due spazi dove quotidianamente, anche d'estate, bambini e ragazzi in età scolare hanno la possibilità di trascorrere momenti di svago e socializzazione, e fruire di supporto scolastico. Tutto passa attraverso la conoscenza dei bisogni del territorio.

Presso il Comune, infatti, è attivo il segretariato sociale diretto dalla dottoressa Nicoletta Iacaruso, assistente sociale professionale. Uno sportello che effettua attività di ascolto, informazioni, consulenza sulle procedure di accesso ai servizi. Al segretariato sociale è demandato il compito di progettare, organizzare e gestire nuovi interventi nei vari settori “Per dare risposte ai cittadini è necessario analizzare il contesto, capire le richieste, esaminare bisogni complessi e sempre più diversi – dice la dottoressa Nicoletta Iacaruso, assistente sociale professionale del Comune di Celenza. Con la somministrazione di un questionario, stiamo effettuando una nuova ricerca che ci permetterà di valutare quali e quanti servizi è necessario attivare o modificare”.

Un'indagine sull'uso e abuso del web, curata dalla Iacaruso e da esperti dell'ASL, ha permesso di capire che l'80% dei giovani celenzani è a rischio dipendenza.  Lavoro, sanità, famiglia, disagio, pari opportunità, esclusione sociale e povertà, immigrazione. I settori in cui un Comune è costretto a muoversi sono i più diversi e, determinante, per evitare continue emergenze, è la pianificazione.

Afferma il sindaco Massimo Venditti: "Oggi il territorio sconta un lungo momento di crisi in cui erano piombati i Piani Sociali di Zona, ma la riorganizzazione cui è stato sottoposto ci permette una migliore programmazione. Con i servizi erogati riusciamo a coprire sia i bisogni assistenziali, penso all'erogazione di contributi economici a cittadini in difficoltà, all'assistenza domiciliare, all'Ade, al telesoccorso e teleassistenza, che a quelli di inserimento lavorativo e sociale come le borse lavoro e il servizio di protezione civile, il Red, i servizi all'infanzia”. Su una popolazione di poco meno di 2 mila abitanti, in pochi anni sono stati erogati servizi che hanno coinvolto alcune centinaia di cittadini. Un dato impressionante, espressione di politiche attente ai bisogni dei cittadini“

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggiunge il primo cittadino: "La nostra idea di welfare è basata sul concetto di partecipazione, sussidiarietà, oltre che di assistenza. Il nostro obiettivo è il miglioramento della qualità della vita dei nostri concittadini, e possiamo farlo solo dando servizi a chi ha una fragilità e, contestualmente includendo, con attività sociali, persone svantaggiate, o chi è tagliato fuori dal mercato del lavoro. Nel nostro piccolo crediamo di essere riusciti a realizzare una rete efficiente di servizi. Un piccolo modello di welfare costruitro grazie al supporto degli uffici comunali, del PSZ, dell' ASL, della scuola e del segretariato sociale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento