Monti Dauni Today

Si va di casa in casa a suonar 'La Pasquarella' (la notte del sabato santo a Monteleone)

La pasquarella è «un canto di questua che si cantava sia a Natale che alla vigilia della Pasqua», racconta Giuseppe Donatacci, animatore di quello scrigno di tradizioni popolari che è l'università del Crocese a Foggia

La Pasquarella

Ogni anno la notte di sabato santo, come da tradizione ultra secolare, viene intonata nelle strade, nelle contrade, nei poderi e nelle case monteleonesi, la tradizionale melodia de la 'Pasquarella' di Monteleone in versione dialettale.

Di autore ignoto, viene intonata da gruppi questuanti che suonando la fisarmonica, bussando di porta in porta, chiedendo in modo canzonatorio e ironico uova, salsiccia, soppressata, vino, dolciumi e leccornie di ogni genere, annunciano la fine della quaresima, la resurrezione e l'inizio di una nuova vita.

La pasquarella di Monteleone si distingue per essere suonata e cantata nella sola notte del sabato santo. Questa tradizione è conosciuta e diffusa anche nell'Umbria, nel Lazio, a Casalvecchio di Puglia e Vico del Gargano.

La pasquarella è «un canto di questua che si cantava sia a Natale che alla vigilia della Pasqua», racconta Giuseppe Donatacci, animatore di quello scrigno di tradizioni popolari che è l'università del Crocese a Foggia. «Il canto di questua - dava voce ad una esigenza di distribuire le ricchezze, presente in tutte le forme di società primitive in cui la gerarchia sociale era ben regolata ». "Cosa si chiedeva in tempi antichi, bussando di porta in porta? Naturalmente, nel periodo di Pasqua si chiedevano le uova, che sarebbero servite per preparare molti piatti tipici".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    VIDEO | 13 mesi senza Francesco, mamma Luisa è disperata: "Avete commesso un'atrocità"

  • Cronaca

    Guerra di mafia in città: morte Sinesi avrebbe stravolto la 'Società Foggiana'

  • Cronaca

    Mafia sul Gargano: a Vieste vuoto di potere, clan Li Bergolis in difficoltà a Monte Sant’Angelo

  • Cronaca

    VIDEO | Silvis saluta Foggia, la città delle mille emergenze: "Qui una vittima ogni 11 giorni"

I più letti della settimana

  • Turismo in Capitanata: il Gargano sempre più meta ambita, sui Monti Dauni in cima c'è Bovino

  • Incendio pineta, il sindaco di Rocchetta: “Sfregio a ciò che abbiamo di più prezioso”

Torna su
FoggiaToday è in caricamento