Monti DauniToday

Quando Monteleone di Puglia si accende con i suoi favoni

Dopo l'accensione dei caratteristici favoni, le stesse piazze e vie, vengono imbandite di allegre tavole in cui i visitatori posso assaporare i prodotti tipici locali, fagioli, zeppole e vino. La manifestazione coinvolge molti comitati di quartiere.

Il favone di Monteone di Puglia

Nel giorno di San Giuseppe, patrono dei falegnami, Montelone di Puglia - terrà ricca di avvenimenti storici di rilevanza nazionale - si accende con i suoi numerosi falò devozionali, memoria di antichi rituali di purificazione e consacrazione, rivissuti nella piazza principale, nelle vie e nelle contrade rurali, in un clima di festa e allegria (il falò di Piazza Municipio è organizzato nell'occasione dall'associazione turistica Pro Loco Monteleone in collaborazione con l'Amministrazione Comunale).

Monteleone di Puglia è importante da un punto di vista storico per l'Assise di Ariano (1140) del Bosco Selvamala, superficie boschiva ricadente nel territorio, dove furono approvate e promulgate le prime leggi fondamentali del regno normanno del Sud. Rappresentano il primo corpo di leggi emanate e costituiscono il nucleo da cui si è sviluppato il diritto che per circa sette secoli ha regolato la vita del Mezzogiorno d'Italia.

La città dei Monti Dauni è famosa anche per le persecuzioni religiose contro i Valdesi 1563-1564 e per la rivolta delle donne al nazifascismo del 23 agosto 1942, la prima in Italia addirittura antecedente agli scioperi scoppiati nelle fabbriche del Nord nel marzo del 1943, in particolare a Torino.

Quello dei favoni è un'usanza molto antica che si collega al calendario romano, secondo il quale l'anno iniziava nel mese di marzo, dedicato appunto a Marte, dio della giovinezza e dell'agricoltura (oltre che della guerra). Tale usanza salutava dunque l'inizio dell'anno agricolo con l'accensione di falò di sterpi, paglia, gramigna e di ramaglie derivanti dalle potature che in quel periodo dell'anno venivano praticate in vista della bella stagione. Dopo l'accensione dei caratteristici favoni, le stesse piazze e vie, vengono imbandite di allegre tavole in cui i visitatori posso assaporare i prodotti tipici locali, fagioli, zeppole e vino. La manifestazione coinvolge molti comitati di quartiere.

Potrebbe interessarti

  • Zanzare: perché pungono solo alcune persone

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Incidente mortale a Foggia, scontro tra un'auto e un motorino: la vittima ha 15 anni

  • Foggia sotto shock, immenso dolore per la morte di Gianluca: "Dio dacci la forza". La prof. "Come lui davvero pochi"

  • Maxi concorso per infermieri, come per gli Oss a Foggia: 1000 i posti disponibili in Puglia

  • Frontale auto-moto nei pressi del Comune, la due-ruote scivola e investe due persone: tre feriti

  • Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

Torna su
FoggiaToday è in caricamento