Monti Dauni Today

Ad Accadia ‘Sand' Vastian' s'ha fatt' la cammisa’: dopo la neve il fuoco dei falò

Per via del maltempo la festa - animata dai tipici falò - è stata però rinviata a sabato 21 gennaio. Il racconto di una tradizione che si tramanda di generazione in generazione

Il falò di San Sebastiano (foto di Gerardo Pascone)

Anche quest’anno Accadia festeggia San Sebastiano Martire, patrono del paese dei Monti Dauni. Per via del maltempo la festa – animata dai tipici falò - è stata però rinviata a sabato 21 gennaio, giorno in cui insieme a San Sebastiano Martire, in processione viene portata anche Sant'Agnese Martire, festeggiata liturgicamente proprio il 21 gennaio. Dopo la Solenne Processione del Santo e la benedizione di tutti i falò, si svolge il palio di San Sebastiano, quest'anno giunto alla XXXIV edizione a cui partecipano i vari rioni e le frazioni del comune. Vengono premiati i tre falò più caratteristici.

La serata è allietata da musica e balli folk, oltre che da degustazioni di piatti tipici, che coinvolgono l'intero paese e le campagne vicine. In passato, alla vigilia della festa, ogni contadino provvedeva a raccogliere la legna per poter accendere un falò in onore del Santo. La cenere del falò veniva portata nel proprio campo e sparsa intorno agli alberi di ulivo e nell’orto, come concime e rito augurale per un proficuo raccolto.

Il falò si faceva con qualunque tempo e se aveva nevicato i contadini dicevano che: "Sand' Vastian' s' era fatt' la cammisa", tradotto San Sebastiano si era fatto la camicia: si usa quest' espressione proprio perché il Santo viene raffigurato nudo legato ad un albero per il suo martirio e di solito in questo periodo fa freddo e ci sono nevicate abbondanti. Per la sua festa e per proteggersi dalle intemperie, indossa questa camicia, come raccontano i nonni del paese.

Davanti ai falò, nella cenere, si arrostivano le patate e la salsiccia avvolte nella carta. Chi sapeva suonare intonava canti della tradizione accadiese, mentre il vino contribuiva a rendere allegri e a sopportare il freddo (da un racconto di Gerardo Pascone).

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Domanda 'smarrita' e poi respinta, al danno anche la beffa: così coniugi foggiani perdono il bonus maternità

    • Cronaca

      Uno fa il palo, l'altro 'l'apri-porta': presi i due complici della rapina di via Guareschi

    • Monti Dauni

      Andare a vivere a Candela conviene: il sindaco offre un contributo a chi decide di trasferirsi

    • Cronaca

      Incastrato dalle telecamere mentre appicca il fuoco ad un'auto, in casa nascondeva tre 'bombe'

    I più letti della settimana

    • Andare a vivere a Candela conviene: il sindaco offre un contributo a chi decide di trasferirsi

    • Riapre la strada provinciale 106: cittadini brindano alla fine di tanti disagi alla viabilità

    • Sui Monti Dauni la posta non arriva, al danno si aggiunge la beffa. Poste Italiane: "E' colpa vostra"

    • Polfer sorprende predoni del rame sulla tratta ferroviaria che porta ai Monti Dauni

    • Nella piccolissima Celle di San Vito più di 50 cittadini danno vita alla Pro Loco

    • Il Premio Lupo compie 10 anni: sarà un'edizione senza confini

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento