Monti DauniToday

Carlantino paese fiero di ospitare i migranti, ma il Ministero non sta erogando i fondi

Paese dei Monti Dauni con poco meno di mille abitanti. Il sindaco Vito Guerrera: “Il Ministero degli Interni purtroppo non sta erogando i fondi affinché tutto lo staff possa ricevere il regolare stipendio mensile

L'ostello della Gioventù di Carlantino

E' sotto gli occhi di tutti ormai che la situazione su tutta la penisola Italiana si è notevolmente complicata sul fronte immigrazione e accoglienza. Stando a quanto riportato dai dati nazionali, solo circa 2000 comuni su 8000 decidono di aprire le porte ai profughi in arrivo sui gommoni della morte. Dopo l 'avvenimento di Gorino, finito sulle maggiori testate nazionali per aver sbattuto in faccia ai migranti le porte della speranza, anche il sindaco e i cittadini di Motta Montecorvino hanno rifiutato l'arrivo dei migranti. A pochi chilometri da lì però, un paese di circa 950 anime, Carlantino, accoglie 52 migranti.

Afferma il sindaco di Carlantino Vito Guerrera: "Abbiamo accolto 52 migranti situati presso l'Ostello della Gioventù. Abbiamo dato a queste persone le condizioni ottimali per vivere dignitosamente. C'è un intero staff che lavora per mantenere ordine e pulizia. Hanno a disposizione un servizio di mensa nella struttura stessa e in ogni camera c'è a disposizione un bagno con doccia. L'unica pecca in tutto ciò è che il Ministero degli Interni purtroppo non sta erogando i fondi affinché tutto lo staff possa ricevere il regolare stipendio mensile”

Ma non è tutto. Tra i 52 migranti presenti ci sarebbero tre minori che dovrebbero essere collocati in strutture dedicate, cosa non avvenuta fino a questo momento, causa lo scarso appoggio dato al Comune di Carlantino. Inoltre il sindaco Guerrera si è visto costretto a non poter accettare ulteriori 22 migranti giunti nel comune, date le condizioni poco sicure per raggiungere l'Ostello: "Mi è davvero dispiaciuto rimandarli indietro. Ma è un importante problema di sicurezza. Avevo chiesto al presidente della regione Puglia Emiliano fondi per sistemare quella strada. Ma lo Stato ci ha abbandonato. Se il Governo vuole fare bella figura dicendo di riuscire a gestire l'emergenza, deve darci i mezzi necessari per poter aiutare questa gente, anche perché la situazione è sotto controllo e vorremmo tutti rimanesse tale".

Nel frattempo, i membri dello staff che lavorano presso l'Ostello della Gioventù, non vengono pagati da quattro mesi. La situazione nel comune però resta tranquilla, a discapito di quanto possa leggersi su qualche testata locale che parla di "malcontento" dovuto alla presenza dei profughi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

  • Coronavirus, 8 casi in Puglia ma Capitanata senza vittime né contagi. I positivi scendono a 1222

  • Sangue in strada, omicidio a Trinitapoli: 43enne freddato con tre colpi di arma da fuoco

  • Coronavirus: due casi in provincia di Foggia, solo quattro in tutta la Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento